L’esame da giornalista? Te lo fa YouTube

Nel 2004, fresco di laurea, ho partecipato alle selezioni per il Master in Giornalismo a stampa, radiotelevisivo e multimediale dell’Università Cattolica di Milano. Purtroppo o per fortuna non lo so, comunque per qualche decimo di punto, all’epoca sono stato escluso dalla rosa dei 20 eletti. Sarà per il rimpianto, sarà per la vocazione a scrivere, ogni anno, dopo le vacanze, vado sul sito della Cattolica a studiarmi il bando. Cosa che ho fatto anche quest’anno scoprendo – con grande stupore – che la sola quota di ammissione agli esami di selezione è di euro 200,00. Avete letto bene: duecento euro!!!
D’accordo il prestigio dell’istituzione, però mi sembra una cifra esagerata. Pensate poi che chi supera gli esame è tenuto a versare un obolo – si fa per dire – di 7.000 euro all’anno per due anni. Per che cosa? Pensandoci bene – non me ne abbiamo gli iscritti al master: ragazzi, volevo essere uno di voi! – per esaurire il praticantato – ok, lo ammetto, in una redazione di grido – e conquistarsi il diritto a sostenere l’esame di ammissione all’ordine. Ma lo stesso risultato si può conseguire lavorando nella redazione di qualche oscura testata locale, oltretutto senza dover pagare un euro bensì essendo – poco – pagati.
Esiste anche un’alternativa, proprio di questi giorni, che ha un discreto fascino: parlo di “Project:Report” promosso da YouTube insieme con il Pulitzer Center on Crisis Reporting – che dispensa consigli sulle tecniche di narrazione – e con il supporto di Sony e Intel. Si tratta di un concorso, in tre step, pensato per gli aspiranti giornalisti: bisogna firmare video-servizi su storie non prese in esame dai media tradizionali.
Dopo una prima selezione, i 10 concorrenti rimasti dovranno realizzare un secondo video della durata massima di 4 minuti. Contenuto: una storia locale, ma con rilevanza globale. La comunità di YouTube selezionerà 5 dei progetti presentati, i cui autori riceveranno da Sony attrezzatura video da utilizzare nella fase finale del concorso. Inoltre saranno affiancati da esperti del Pulitzer Center per girare un video che riassuma in 5 minuti la storia significativa di una comunità poco nota.
Al concorrente che YouTube laureerà giornalista andrà una borsa di studio del valore di 7.000 euro.
Altro che Master alla Cattolica…

The Apprentice

Annunci

2 risposte a “L’esame da giornalista? Te lo fa YouTube

  1. Pingback: Video Drive Blog » L’esame da giornalista? Te lo fa YouTube

  2. Non è proprio così ma il senso è quello: col master ti paghi l’esame per diventare giornalista, in pratica diventi giornalista perchè hai pagato. Ma spesso la pratica in piccole redazioni non ti permette di diventare giornalista professionista e l’inghippo sta proprio qua: disperati perchè non riescono a fare questa benedetta pratica, quelli che hanno i soldi si comprano l’esame di stato.
    That’s Italy!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...