La classifica dei Best brands

Gli Americani si sa, hanno la mania delle classifiche: di uomini ricchi, di donne sexy, di celebrità ben vestite, di peggiori attori, di aziende.
Come ogni anno Business week ha appena pubblicato la lista dei 100 Best Global Brands. Un elenco costruito in base a tre criteri: che il marchio/azienda renda pubblici i dati finanziari e di marketing, che sia altamente riconoscibile, al di là dei meri dati di vendita (del tipo non basta avere milioni di clienti) e che almeno un terzo del suo fatturato provenga da un paese diverso da quello in cui l’azienda ha sede.
Numero 1 della classifica, prevedibile, Coca Cola.


Tra i primissimi posti colossi come IBM, Microsoft, Nokia, Intel, Mc Donald’s, Disney..
Al ventiduesimo un marchio di abbigliamento low cost fungiforme o fragoliforme (ma si dirà fragoliforme?) come H&M. Che c’entrano fragole e funghi? C’entrano, c’entrano. Il mio professore di storia e filosofia del liceo in questo momento mi darebbe un + a matita sul suo quadernetto perché mi sono ricordata di una teoria antropologica secondo la quale i villaggi e le culture si sono diffusi in prossimità di luoghi umidi, come fiumi e coste, proprio come fanno in natura le fragole e i funghi.
Per i punti vendita di H&M è lo stesso. Che tu sia a Roma, Colonia, Atene, Berlino o Il Cairo layout di negozi e collezioni sono sempre gli stessi. I prezzi però no. Almeno io nella mia esperienza ho avuto modo di notare una certa differenza.
E lo stracitato made in Italy come se la cava?

//cakeitaly.com

Cioccolatini firmati Armani: foto da http://cakeitaly.com

Meglio del previsto. Gucci, che a differenza di H&M non spicca certo per prezzi a buon mercato o vetrine in ogni dove, è il 46° Best Global Brand al mondo, subito dopo Philips, ma prima di ebay. Quanto alle altre realtà italiane presenti in classifica troviamo sempre lei, la Rossa di Maranello e l’emblema del bon ton e dell’eleganza très chic ma très minimal, Armani, che da poco si è messo a firmare case, alberghi e cioccolatini.

Mi piacerebbe conoscere una 100 Best Global Places to Work in list..chissà se esiste..
* Madama Butterfly

Annunci

2 risposte a “La classifica dei Best brands

  1. La lista dei posti dove lavorare sì che esiste. Viene aggiornata ogni anno da Fortune http://money.cnn.com/magazines/fortune/bestcompanies/2008/

    ciao!

  2. cafedesignorants

    Ciao Lawrence, grazie.
    Google al primo posto..interessante..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...