Quando il Campo Minato non è solo un gioco virtuale

È installato su un’infinità di pc e per molti è fonte di gran divertimento: sto parlando del videogame Campo Minato (in omaggio ai principi del politically correct, altrimenti noto anche come Prato Fiorito), inventato da Robert Donner nel 1989.
Purtroppo per milioni di persone, la parola campo minato evoca un’altra e ben più tragica realtà: giusto per citare un dato agghiacciante, si stima che nella sola Cambogia le mine inesplose siano 6 milioni.
Proprio per ricordarci che quello delle mine non è soltanto un problema di logica e per promuovere la causa della bonifica dei terreni minati, l’ONU ha recentemente presentato la campagna This Is a Game We Cannot Lose.

ONU - This Is A Game We Cannot Lose

ONU - This Is A Game We Cannot Lose

Riflettete gente, riflettete.

The Apprentice

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...