Music video game: l’ultima frontiera del mercato musicale?

beatles rock band

Il sofferente business della musica è disperatamente alla ricerca di nuovi spazi, nuove modalità di fruizione, nuovi canali in cui reinventare sé stesso dopo il fall-out che ha distrutto gli intermediari che vivevano sulle sue inefficienze (come le case discografiche) e creato scompiglio in chi di questa onorevole arte deve sopravvivere.

Così anche i video games (che stanno evolvendo da piattaforma a vero e proprio medium con buone opportunità di sfruttamento di spazi pubblicitari virtuali, product placement ecc. ) diventano un canale in cui promuovere musica e artisti che necessitano di promozione.

Così Guitar Hero e Rock Band (per citare i più famosi), video games che grazie alla realizzazione di hardware e software sempre più sofisticati permettono di vivere una vera esperienza di esecuzione musicale, diventano palcoscenici appetibili per le band che non solo vogliono celebrare sé stesse ma anche promuovere le loro ultime uscite.

Dopo aver reso omaggio a band ultra-famose come Metallica e Ac/Dc con tanto di chitarra personalizzata è arrivato il momento dei Beatles.

Come sapete il 9/9/09 è stata rilasciata con grande sfoggio di mezzi l’opera omnia dei Fab Four in versione rimasterizzata. E non poteva mancare la special edition di Rockband dedicata al quartetto di Liverpool con tanto di possibilità di acquistare tutti gli hardware fedele riproduzione degli originali (più o meno). In particolare la Rickenbacker 325 di John Lennon, la Gretsch Duo Jet guitar di George Harrison, l’Höfner violin bass di Paul Mc Cartney e la batteria Ludwig di Ringo Starr. Una celebrazione certo, ma anche una forma innovativa di promozione e di fruizione del prodotto musicale.

36062.the-beatles-rock-band-per-x360

E allora ecco Adam Clayton dichiarare

“We definitely would like to be in there but we felt some of the compromises weren’t what we wanted. That could change. I love the idea that that’s where people are getting music and we’d love to be in that world. We’ll figure something out”

spianando così la strada ad una edizione speciale dedicata al quartetto irlandese, gli U2, e soprattutto legittimando a tutti i livelli la special edition di video games come un nuovo e convincente supporto attraverso cui promuovere nuovi prodotti e brand experience.

Man in Black

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...