Il vampiro come testimonial

I vampiri non sono mai stati così in voga: affermazioni planetarie al cinema, come nel caso di Twilight e New Moon, ed enormi successi televisivi, ci riportano al mondo del fantasy. True Blood, un’idea di Alan Ball da noi in onda su Sky, è la serie che recentemente ha catalizzato l’attenzione dei vampirofili.

True Blood

Il rapporto tra vampiri e sesso, trasgressione, sensualità, già presente nell’immaginario collettivo, viene amplificato e, nel caso di True Blood, il tema si impone anche grazie al merchandising.

Ultima novità legata al lancio di True Blood, la bevanda Tru:Blood, il drink dei vampiri: soda e succo d’arancia “vampirizzati” e lanciati con spot in tutto il mondo, con i quali è possibile preparare un Plasmapolitan o un Death on the Beach. Ecco la versione americana e quella francese (Oh mon dieu!) degli spot.

Guardando gli spot e osservando le più classiche magliette e i gioielli ispirati a True Blood, presentati in occasione degli Emmy Awards 2009, risulta evidente come la forza di una serie tv o di una pellicola sia (oltre alla presenza di un vampiro) il suo potenziale commerciale.

Joy

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...