I disastri in Photoshop del 2009

L’ultima “vittima eccellente” è stata Demi Moore, il cui viso è stato incollato sul corpo di una modella per la copertina della rivista W.

Demi Moore Photoshop

BuzzFeed ha stilato la classifica dei peggiori errori e brutture generati dall’uso di Photoshop nel 2009, a volte davvero colossali. Insomma, nel 2009 il mondo della comunicazione e dell’advertising ha abusato di Photoshop, con conseguenze ridicole, o che fanno riflettere.

Primo classificato, Microsoft, che pare avere cancellato una persona di colore da una propria pubblicità. Purtroppo Microsoft non è la sola nella classifica di BuzzFeed ad avere effettuato “photoshoppate” con questo scopo.

Microsoft

Invece su questa copertina, il viso di un uomo di colore è andato a sostituire quello della persona realmente ritratta nella fotografia. La rivista Fun Guide si classifica così al secondo posto, anche per l’evidente “copia e incolla”.

Fun

Terzo classificato, Ralph Lauren, con il fotoritocco del corpo di una modella: decisamente troppo..

Ralph Lauren

Non a caso i primi tre posti in classifica sono occupati da errori che inducono ad una riflessione sull’uso delle immagini in comunicazione. Scorrendo la top ten si trovano anche immagini divertenti che immortalano persone con sei dita o tre mani, curiosi fenomeni attribuibili all’abuso del programma.

Per restare sempre aggiornati sulle pessime performance con Photoshop esiste un blog, Photoshop Disaster, che da circa due anni pubblica ogni giorno i peggiori fotoritocchi da tutto il mondo.

Joy

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...