Archivi categoria: web

Café, lavori in corso!

Pieghiamo le tovaglie a quadretti rossi, abbassiamo la serranda e attacchiamo un cartello alla porta:

chiuso per rinnovo locali..

Café des Ignorants si prende una pausa di qualche giorno, che dedicherà al rinnovo della propria sede.

Ritorneremo molto presto con una nuova veste grafica, per continuare il nostro viaggio nel mondo della comunicazione e chiacchierare di advertising!

Annunci

Che suono ha il vostro sito?

Lo sapevate che il codice con cui avete creato il vostro sito ha un “suono” preciso?

Provate ad immettere l’indirizzo all’interno di CODEORGAN, e ascoltate la riproduzione musicale del vostro website.

Una grafica stile “primo Nintendo” e la possibilità di condividere la musica in Facebook e Twitter: il progetto ha generato buzz in Rete e i fondatori sono stati oggetto di un’intervista della CNN.

Ecco la presentazione del progetto.

Play this Website!

Mr. Writer

Le mimose diventano rosse per le donne del Nepal

In Nepal il rosso è il colore della festa e viene indossato nelle occasioni più importanti. Quest’anno il rosso diventa per le donne nepalesi anche il colore del riscatto sociale e dell’emancipazione, nella speranza di acquisire maggiori diritti all’interno della società.

La Onlus Apeiron sta infatti promuovendo un’iniziativa legata alla festa della donna che tinge di rosso il tradizionale fiore associato a questa giornata, la mimosa.

Attraverso il sito di Apeiron è possibile acquistare ed inviare delle cartoline per augurare una felice festa della donna ad un’amica, alla mamma o alla fidanzata.

Il ricavato di questo gesto sarà devoluto a favore di CasaNepal a Kathmandu, una casa rifugio per le donne nepalesi in difficoltà.

La mimosa cambia colore per una nobile causa. Quest’anno niente giallo mimosa! Preferiamo il rosso 🙂

Joy

Life n’ roll, lo spot Rolling Stone Magazine

Sta riscuotendo un buon successo, in quanto a click e commenti, lo spot di Rolling Stone Magazine Italia realizzato per il web.

Confronto disilluso e ironico tra il mondo del rock ‘n’ roll e quello dei politici, il video (come la rivista) non teme la parolaccia e presenta i rockers come una categoria in decadenza.

La voce fuori campo racconta la triste vita della rock star, che si vede portare via il primato della sregolatezza dalla nostra classe politica:

Nelle auto blu ci sono più festini che nei nostri backstage.

E noi cosa siamo diventati? Le ragazze da sposare..

Torniamo a passare l’inverno a scopare come ricci e l’estate a curarci le malattie veneree

O lasceremo a loro non solo il potere ma anche il rock&roll

Tristemente vero! Salviamo i rockers, specie in estinzione! Alla faccia delle balene..

Joy

Sex Squad, il sesso sicuro in un videogame

Le malattie a trasmissione sessuale hanno da oggi un nemico in più, il difensore dei ragazzi e degli adolescenti: si tratta della Sex Squad, squadra pro sesso sicuro ideata dalla Middlesex-London Health Unit, agenzia canadese di London (Ontario) per la salute.

Sex squad

Adventures in Sex City si presenta come un normale videogame on-line, la cui grafica ed i nomi dei personaggi prendono spunto da vari fumetti del genere Supereroi.

La Sex Squad è composta da Wonder Vag, che ha scelto di restare vergine fino al matrimonio; Willy The Kid, supereroe bassino, ma “le dimensioni non contano”; Power Pap, sessualmente attiva e che controlla la propria salute con regolarità; Captain Condom, eroe scienziato impegnato nella distribuzione dei profilattici ai ragazzi.

L’antagonista della squadra è il temibile Sperminator, il cui obiettivo è contagiare il numero più alto possibile di persone con malattie sessuali. La battaglia tra i supereroi e Sperminator si svolge a colpi di domande per mettere i ragazzi a conoscenza del pericolo delle infezioni e su come queste si possono prevenire.

SexCity

Se siete abbastanza bravi, potete “convertire” Sperminator e farlo diventare un difensore del sesso sicuro!

Ci vorrebbero anche da noi questi personaggi che, per una volta, parlano chiaramente di sesso con i ragazzi e danno informazioni precise su come difendersi dal terribile Sperminator e dalle sue malattie.

Joy

“Ricostruire”Tiger Woods in 6 mosse

La vicenda del golfista più forte di tutti i tempi la conoscete tutti.

Amante su amante, il buzz ha invaso la Rete e la sua immagine ne è uscita malconcia. Ora per Tiger, dopo la pubblica ammissione di colpa, è arrivato il tempo di rimboccarsi le maniche e provvedere a ricostruire la sua reputazione, a cominciare dal web.

Come?

Seguendo i consigli di un’esperta di online reputation management Rhea Drysdale di Outspoken Media.

Ecco i 6 punti da lei individuati e oggetto di un articolo su CNN.com:

  • Be more accessible
  • Create positive news mentions
  • Utilize his Web site
  • Audit his social profiles
  • Get more social
  • Monitor his brand

Se volete scoprire più approfonditamente i consigli a Tiger, leggete How Tiger Woods can rebuild his image online.

Mr.Writer

Brunetta 2.0 per la candidatura a sindaco di Venezia

Renato Brunetta, Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, è il candidato del PDL per la carica di sindaco del comune di Venezia. La sua campagna elettorale si connota per l’uso parziale di strumenti social, non del tutto aperti all’interazione con il cittadino.

BrunettaIl sito web per la campagna elettorale è sia la piattaforma attraverso la quale vengono rilasciate dichiarazioni ufficiali che l’aggregatore dei presidi social del Ministro.

Brunetta è presente su YouTube ed esordisce con un approccio del tutto personale, con un sottofondo di musica un po’ strappalacrime (e la lacrimuccia scende anche lui). Al di là delle opinioni personali, questo è un modo per far sentire l’utente più vicino al candidato, un uomo che si racconta in un video-diario:

Ma chi me l’ha fatto fare?

La Facebook fanpage di Brunetta Sindaco è invece il luogo dove le notizie sul candidato vengono condivise con i fan: su questo presidio l’interazione con i sostenitori non è particolarmente ricercata; si tende a pubblicare le notizie senza stimolare l’opinione dei sostenitori sui vari temi.

Brunetta

Sul sito è disponibile anche la iPhone app dedicata al candidato.

Brunetta

Anche per quel che riguarda la campagna elettorale di Renato Brunetta si sente la mancanza di un uso davvero sociale dei canali social, un problema comune alle campagne analizzate finora.

L’eccezione, per questo candidato, viene dal canale YouTube, che potrà risultare vincente se continuerà ad essere gestito come video-blog di Brunetta (per ora i video caricati sono solo tre).

Joy